MA CHI SE NE FREGA

… ma chi se ne frega?

Vietato calpestare i sogni ©ELisa

 

MA CHI SE NE FREGA
L’altra notte
a mezzanotte
per la fame è deceduto
un barbone sconosciuto.
L’ho trovato
su di un prato
con il cane che abbaiava
a chiunque si accostava.
Senza un nome
né un cognome,
è sparito in lontananza
sulla celere ambulanza.
Su quel prato,
abbandonato,
è rimasto solo il cane
a rimpiangere il padrone.
E’ giunta l’ambulanza ed il suo corpo
ha, infine, meritato una lettiga
E’ morto un barbone …
ma chi se ne frega!
Chissà se avrà difeso la mia Patria
o forse sarà stato uno stratega.
Fu solo un barbone…
ma chi se ne frega!
Da giovane chissà chi sarà stato
un fabbro, un impiegato od un collega.
d’un vecchio barbone …
ma chi se ne frega!
Chissà se avrà dormito con mia madre
e un vincolo di sangue a lui mi lega.
E’ morto un barbone …
ma chi se ne…

View original post 39 altre parole

abbraccio -di Dario Verado

Foto: è un arte entrare nel cuore.....senza far rumore <3
abbraccio….!

senti i battiti
del cuore,
precisi e ritmici
senti il loro rumore,
si confondono
nel respiro,ascolti
con attenzione
fai un…sospiro;
sorridi
per quell’emozione,
provata un’istante
ma che difficilmente
sarà scordata,
un ricordo che durerà
quell’istante
sognato e vissuto,
per poco soltanto ma
…e bastato sentire,
un battito del cuore
un sospiro un respiro,
che il mondo
è sembrato….migliore.

Dario Verardo

CUCCIOLO… – Pina

cane4

CUCCIOLO…
Un’afosa giornata d’estate,
sole che scotta,
autostrade intasate.
Tutti pronti a partite,
tutti tranne uno,
un cucciolo scomodo…
che è solo d’impiccio.
Non sai dove lasciarlo
e non lo vuoi con te,
adesso cosa fare?
Ma si, hai già deciso,
lo vuoi abbandonare!
Indifeso.. sul ciglio della strada…
rischierà la vita
ma non t’importa!!
è meglio la vacanza tanto ambita!!
L’hai illuso,
gli hai spezzato il cuore,
sei tu il vero animale!

di Pina

La donna a Palermo

Evelin e una cara amica … adoro come scrive.

Agave Blog - dalla Sicilia

Visto che si avvicina la festa della donna, parlerò della donna a Palermo.

Alcuni, pensando alla Sicilia, immaginano che ancora la donna sicula porti il fazzoletto in testa e l’abito scuro. Questo se non avviene in grandi città come Palermo o Catania, non avviene nemmeno nei paesi più piccoli (se non qualche anziana che mantiene le abitudini di qualche decennio fa). Le ragazze nell’abbigliamento e nei modi di fare sono molto “moderne”.

La ragazza tipica palermitana dei giorni d’oggi, porta quasi sempre la frangetta sugli occhi, le mollettine con cuoricini sui capelli, gli occhiali da sole alla moda, i giubbini corti (bianchi o neri), gli stivali ai piedi e i pantaloni a vita bassa con i fianchi e la pancetta molle in bella vista. Ci sono tantissime adolescenti (perchè qui il calo demografico non esiste) in giro soprattutto il sabato pomeriggio al politeama, che si tengono a braccetto tra loro.

View original post 1.508 altre parole

LA (mia) FILOSOFIA

C’era una volta …
LA (mia) FILOSOFIA …

Vietato calpestare i sogni ©ELisa

LA (mia) FILOSOFIA E L’INTERNET

La vita è piena d’avversità, delusioni, ma è la nostra vita ed è la cosa piu meravigliosa che abbiamo. Basterebbe soffermarci ogni tanto a capire le ragioni delle persone, a vedere oltre gli occhi entrando il loro cuore.

Ma no, alla fine è sempre piu facile tapparsi le orecchie e mettere un paio d’occhiali da sole per non vedere, per non capire.
      Non ci sto, ho toccato il fondo nella vita, ho dovuto imparare a odiarmi per sapere quanto amore avessi, e ho deciso. Non ha senso vivere una vita senza amore, chiudendo il cuore imprigionandolo nell’indifferenza,
ho capito che l’importante, nel bene o nel male è riuscire ad ascoltare il nostro e il cuore degli altri, perché altrimenti esisterebbe solo il niente e dal niente non si può tornare indietro…

Sono ottimista, mi sento viva anche se sto soffrendo nella mia vita ma…

View original post 775 altre parole

… Dimenticato

Buon giorno ….

Un proliferare di voci che accrescono in me la consapevolezza che tutto nella vita può cambiare.
E ti ritrovi a dover attraversare una strada che non conoscevi, una strada diversa dai tuoi pensieri, forse un po’cambiata nell’animo, ma non nel cuore.
La consapevolezza di essere unica, forse anche un po’ bizzarra, ma di certo te stessa.
E inizi a pronunciare parole che prima tenevi solo per te, a parlare della tua vita
nella maniera più spontanea così… con questi pensieri … nasce questo posto

Cadono le frontiere, si abbattono i muri dell’indifferenza, un senso di profonda crescita interiore ti fa comprendere che è meglio esternare ciò che fino ad ora era rinchiuso in un pozzo da troppo tempo … dimenticato.

“La libertà di essere sè stessi è la cosa più bella che ci sia concessa ed io, per niente e per nessuno
perderò mai questa libertà” Lisa